Tag Archives: secondo

Frittata in trippa..uno dei piatti della mia infanzia!

Frittata in trippa..uno dei piatti della mia infanzia!
Frittata in trippa..uno dei piatti della mia infanzia!
Pin It

Ehilà 🙂 tutto bene?

Il mio umore, da quando è arrivato l’autunno con le sue temperature più “umane”, è decisamente migliorato 🙂

E mi è tornata la voglia di cucinare, di portare in tavola qualcosa di diverso da affettati, mozzarella, insalate che ci hanno accompagnato per tutta l’estate..

Quello che vi propongo oggi è un piatto che mia mamma fa da sempre, uno di quei piatti veloci che prepari con pochi e semplici ingredienti, che in casa non mancano mai 😉 Insomma..un piatto “salvacena” 🙂

ingredienti per 2:

  • 3 uova medie
  • sale e pepe
  • parmigiano grattugiato qb
  • olio extravergine di oliva qb
  • passata di pomodoro 200 g circa
  • prezzemolo
  • 1 spicchio d’aglio

Come prima cosa dobbiamo preparare la frittata…sapete tutti come si fa, vero? 🙂

Nel dubbio: rompete le uova in una ciotola, sbattetele leggermente con una forchetta, aggiungete il formaggio grattugiato, sale e pepe. Sbattete ancora un po’.

Fate scaldare un filo d’olio in una padella, aggiungete il composto di uova, muovendo la padella affinché venga ricoperto tutto il fondo. Fate cuocere bene da entrambi i lati, girando la frittata con l’aiuto di un coperchio o di un piatto.

DSCF2529-

Una volta cotta, tenetela da parte e fatela freddare. Una volta fredda arrotolatela su se stessa e tagliate delle rondelline, una sorta di tagliatelle di frittata.

DSCF2535-

Nella stessa padella in cui avete fatto la frittata, mettete un filo d’olio e 1 spicchio d’aglio: fatelo dorare, insaporendo così l’olio e poi eliminatelo. Aggiungete la passata di pomodoro, meglio se fatta in casa 😉

DSCF2531-

DSCF2532-

Abbassate la fiamma, fate insaporire il sugo, salate e pepate. Aggiungete le tagliatelle di frittata, girate delicatamente per qualche minuto, finché non saranno belle condite.

DSCF2536-

Spegnete la fiamma, aggiungete il prezzemolo tritato e portate in tavola!

DSCF2537-

🙂

buon appetito

firma

Pin It

Ossobuco alle Cipolle…uno dei miei piatti preferiti!

Ossobuco alle Cipolle…uno dei miei piatti preferiti!
Ossobuco alle Cipolle…uno dei miei piatti preferiti!

Buon pomeriggio bellocci! ^_^

Oggi pubblico tardi…spero che passerete comunque a trovarmi!

Vi propongo uno dei miei piatti preferiti…mi piaceva tantissimo anche quand’ero bimba, nonostante all’epoca odiassi le cipolle ma…si sfanno a tal punto che non vi accorgerete di mangiarle 😉 vi sembrerà una dolcissima crema…provare per credere!

Di ricette di ossobuco ce ne sono tantissime in giro, questa è quella che ha sempre fatto mia mamma, le è stata insegnata da una delle mie zie paterne tantissimi anni fa 🙂 e piaceva tanto anche a babbo..

Ossobuco alle Cipolle

DSCF2409-

ingredienti per 2:

  • 2 ossibuchi (o ossobuchi…mica lo so…ignorantona che non sono altro!)
  • 2 cipolle bianche medie
  • farina qb
  • 1 noce di burro (anche 2..)
  • sale e pepe
  • vino bianco qb
  • dado vegetale home made (o, se preferite, quello comprato)

DSCF2403-

Mettere su un pentolino con dell’acqua, aggiungere un cucchiaino di dado home made, mescolare bene e portare a bollore.

Tagliare a fettine sottili le cipolle, con le forbici “tagliuzzare” il bordo degli ossibuchi per evitare che si arricci in cottura, infarinarli.

DSCF2402-

In una padella far sciogliere il burro, aggiungere gli ossibuchi, farli rosolare bene da un lato, girarli e aggiungere sopra le cipolle. Far rosolare bene anche questo lato, girare nuovamente, sfumare con del vino bianco (versate il vino..quando non lo sentirete più “sfrigolare”, vuol dire che basta, non ne versate altro 😉 ).

Quando il vino sarà evaporato, bagnare con un mestolo di acqua (e dado) bollente, coprire, abbassare la fiamma e far cuocere, girando di tanto in tanto e aggiungendo acqua quando serve.

Mamma dice che in mezz’ora sono pronti 🙂

Io preferisco farli cuocere a fiamma bassa per qualcosina di più, 45 minuti o anche di più…le cipolle devono essere tenerissime e così la carne..e voi? Come lo fate?

DSCF2405-

baciotti e buona serata!!!

firma

Cheeseburger del cuore!

Cheeseburger del cuore!
Cheeseburger del cuore!

Qual è il modo migliore per tornare a pubblicare?

ovvio…dedicarsi ad un piatto fatto col cuore, un piatto che solo a pensarci ti strappa un sorriso..il classico comfort food insomma 😉

ed io, buona forchetta, di piatti del cuore ne ho diversi..sono quei piatti che riescono a regalarmi un momento di relax e piacere dopo una lunga giornata..

Oggi voglio proporvi un cheeseburger speciale..

Da tempo preferisco fare in casa gli hamburger, piuttosto che acquistarli già pronti in macelleria o al supermercato..che ci volete fare? mi piacciono di più 😀 e la cosa bella è che, a seconda dell’umore e anche di ciò che offre il frigo, si possono tirar fuori tantissime diverse varianti!

Questa volta ho scelto del macinato di scottona e una cipolla bianca…e per finire, dopo un piccolo assaggio (ci voleva, no? 😉 ) tra i formaggi presenti in frigo, ho optato per l’Emmentaler DOP..se ci fosse ancora il mio babbo, mi immagino la faccia che farebbe a vedermi mangiare (e pure con gusto) questo formaggio..): lui, grandissimo amante dei formaggi, non si capacitava del fatto che io mi limitassi a mangiare solo i formaggi più “normali”, quelli senza spessore, un po’ insulsi 😀

E ogni volta che a tavola c’era un formaggio dal sapore e dal profumo più decisi, io storcevo il naso e cominciavo con una sequenza di smorfie che gli facevano scuotere la testa 🙂

Ecco…direi che crescendo, per fortuna, i gusti cambiano..e c’è sempre la curiosità che ti spinge ad assaggiare un formaggio che hai tenuto a distanza per via del suo odore forte e del suo sapore deciso…ribadisco: per fortuna!

Cheeseburger di Scottona, Cipolla e Emmentaler

ingredienti x 2 persone (ho fatto 6 hamburger molto piccoli 😉 facendoli di dimensioni normali, se ne ottengono 2 😉 ):

  • 300 g di macinato di scottona
  • 1 cipolla bianca piccola
  • sale e pepe
  • origano
  • 1 fetta spessa circa 1/2 cm di Emmentaler DOP

Tritare la cipolla, aggiungerla al macinato e mescolare bene. Salare e pepare, aggiungere un pizzico di origano secco.

DSCF3350-

Aiutandosi con un coppapasta a forma di cuore, usando come base un foglio di carta forno, formare i mini hamburger.

DSCF3354-

Ricavare dalla fetta di Emmentaler dei cuoricini della stessa misura degli hamburger.

DSCF3357-

DSCF3358-

Scaldare una piastra, cuocere gli hamburger per qualche minuto da un lato, voltarli e adagiare sopra ad ognuno 1 cuoricino di Emmentaler.

DSCF3361-

Lasciar cuocere un paio di minuti, coprire con un coperchio per 1 altro minuto circa, per far fondere meglio il formaggio.

DSCF3366-

Servire ben caldi.

DSCF3365-

con questa ricettina partecipo al contest organizzato da Tery di Peperoni&Patate:

logo-formaggi-svizzeri-2014

 

buona giornata!!!! 🙂

firma

Tortilla di Patate e Cipolle

Tortilla di Patate e Cipolle
Tortilla di Patate e Cipolle

Dopo tanto, troppo tempo, torno a postare 🙂

Avrei voluto farlo ieri con una videoricetta per festeggiare i 5 anni del mio blogghino ma…non ne ho avuto modo…sorry!!

Quindi, recupero oggi..con una ricettina veloce, facile e golosa, molto golosa 😉

L’idea era quella di replicare una meravigliosa tortilla di patate assaggiata a Madrid durante le vacanze (a breve, spero, pubblicherò un po’ di info su Madrid e Barcellona!), così ho chiesto a chi conosce meglio la cucina spagnola e mi sono arrivate tante dritte 😉

Vi dirò: era molto buona ma più che una tortilla, era una frittata di patate 😀

la differenza sostanziale che ho avvertito tra quelle mangiate in Spagna e questa è l’incredibile cremosità dell’uovo all’interno dovuta forse all’altezza della tortilla stessa (?) e che io non ho saputo replicare a casa..ma poco male, si è lasciata gustare lo stesso 😉

Tortilla di Patate e Cipolle

ingredienti x 2:

  • 4 uova medie
  • 4 patate medie
  • 1/2 cipolla grande o 1 piccola
  • olio extravergine di oliva
  • sale e pepe

Pelare le patate, tagliarle a pezzetti piccoli, scaldare abbondante olio di oliva in una padella e cuocere le patate finché saranno belle morbide.

In un padellino a parte, con un filo d’olio, a fiamma bassissima, ho lasciato sudare la cipolla tagliata sottilmente.

In una ciotola ho sbattuto le uova con sale e pepe.

Una volta cotte le patate, le ho scolate dall’olio e aggiunte, insieme alle cipolle ormai trasparenti, nella ciotola con le uova. Ho mescolato il tutto.

Ho fatto scaldare un filo di olio evo in una padella (in genere ne uso una più grande, questa volta, per farla bella alta ho optato per una padella da 20 cm di diametro), ho aggiunto il composto di uova, patate e cipolle e fatto cuocere per qualche minuto poi, aiutandomi con un piatto piano, ho girato la frittata e l’ho fatta cuocere ancora qualche minuto anche dall’altro lato.

Chiedo scusa per la foto ma ultimamente….mi soffermo molto di più sul sapore che non sull’aspetto 😉

10153699_10205116582222457_6629401031114238038_n

vista l’ora, non mi resta che augurarvi…buon appetito!

un baciotto

firma

Strucolo con Patate, Salame Toscano e Stracchino..

Strucolo con Patate, Salame Toscano e Stracchino..
Strucolo con Patate, Salame Toscano e Stracchino..

Eccomi qui con la seconda proposta per la sfida dell’MTC di questo mese..seguendo la ricetta di MariLasagna Pazza..

BANNER

Sono stata indecisa fino all’ultimo se provare lo strudel dolce o se rifarne uno salato, detto anche strucoloalla fine ha vinto la gola 🙂 il che per me vuol dire salato 😉

Per il ripieno mi sono lasciata ispirare dai tortelli di patate che di tanto in tanto preparo e che ci piacciono tanto, aggiungendo però lo stracchino maremmano e una grattugiata di Pecorino di Grotta del mio amico Fabrizio Spadi..avrei voluto aggiungere del prosciutto crudo toscano, bello saporito e bello pepato ma, come spesso mi capita, al momento di cercarlo in frigo…ho trovato il “cartoccino” vuoto O.o e l’ho sostituito con il salame, sempre toscano, ma pure più goloso 😀

La forma è quella che è..ero indecisa sino all’ultimo se pubblicare o meno..poi parlandone con l’Omo mi ha detto “dovresti, in fin dei conti hai aperto il blog per condividere i tuoi esperimenti, no? e gli esperimenti non sempre riescono alla perfezione” 🙂

e così eccovi il mio Strucolo Goloso, Patate e Stracchino, con crema al Pecorino (ho fatto pure la rima, tiè 😛 )

ingredienti per la pasta matta: (direttamente dal blog di Mari, in blu)

  • 150 g di farina 00
  • 100 ml di acqua
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
  • 1 pizzico di sale

ingredienti per il ripieno:

per la crema:

prima di preparare la pasta matta ho messo su una pentola e ho messo a lessare le patate.

Procedimento per la pasta matta, direttamente dal blog di Mari (in blu):

Scaldate l’acqua, deve essere abbastanza calda ma non bollente. Setacciate la farina in un recipiente, aggiungete il sale e l’olio e versate a mano a mano l’acqua calda mescolando. Quando la farina avrà assorbito tutta l’acqua, togliete l’impasto dal recipiente e cominciate a lavorarlo con le mani su una spianatoia per un paio di minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, quasi appiccicoso ma che comunque non resta attaccato alla spianatoia o alle dita. Mettete l’impasto a riposare, coperto da un panno umido o da una pellicola, per circa mezz’ora.

Terminata la pasta, mentre riposava, ho pelato le patate ormai cotte (20 minuti più o meno, ma è sempre meglio controllare con una forchetta se sono cotte 😉 ) e le ho schiacciate ben benino con una forchetta in una ciotola capiente, ho lasciato che si intiepidissero un po’ e poi ho aggiunto il pecorino grattugiato (4 cucchiai belli pieni) e lo stracchino. Ho continuato a mescolare e ho poi aggiunto il rosmarino tritato insieme all’aglio, un pizzico di sale (meglio assaggiare per non eccedere, il pecorino è già bello saporito 😉 ).

E poi, si continua con i consigli di Mari:

Prima di cominciare a stendere la sfoglia mettete a bollire sul fuoco una pentola abbastanza larga e che possa contenere comodamente lo strudel. Disponete su una spianatoia un tovagliolo o uno strofinaccio pulito di lino o di cotone bianco (possibilmente lavato con sapone neutro e ben sciacquato) e infarinatelo. Prendete l’impasto e cominciate ad appiattirlo con le mani sopra alla tovaglia, quindi tiratelo aiutandovi con un mattarello. In questo caso basterà il mattarello per stendere la sfoglia che non dovrà essere sottile come quella preparata per lo strudel da cuocere al forno. Il risultato finale dovrebbe essere una sfoglia più o meno quadrata di 25 centimetri per lato.

A questo punto ho steso il composto di patate e formaggi, spalmandolo su tutta la superficie, lasciando un paio di cm lungo il bordo. Ho coperto con le fettine di salame ed ho arrotolato:

Cominciate a sollevare la sfoglia per arrotolarla sul ripieno, se necessario aiutandovi con il tovagliolo, anche se in questo caso non dovrebbe essercene bisogno visto che l’impasto dovrebbe essere un po’ più spesso e consistente. Fate fare un paio di giri, quindi ripiegate anche i due lembi esterni e continuate ad arrotolare fino alla fine. Avvolgete il rotolo così ottenuto nel tovagliolo senza lasciare vuoti e chiudete, con uno spago da cucina, i due lembi esterni; fate due giri di spago anche lungo il rotolo. Salate l’acqua bollente e adagiatevi delicatamente lo strudel avvolto nel tovagliolo facendo attenzione che non tocchi troppo il fondo della pentola.

DSCF2492-

Fate cuocere sobbollendo per 30 minuti, quindi togliete lo strudel dall’acqua e togliete il tovagliolo.

Per la cottura questa volta ho preso in prestito da mia mamma la pesciera 🙂 ed è stato meno complicato 😉

DSCF2493-

Dopo la mezz’ora di cottura, l’ho tolto dall’acqua, ho eliminato il tovagliolo e ho lasciato raffreddare leggermente, così facendo sono riuscita ad evitare la fuoriuscita del ripieno, cosa che invece mi è successa con l’altro strudel salato 😀

Ho preparato la crema al pecorino: in un pentolino ho versato del latte e del pecorino a pezzetti, sono andata ad occhio…cmq era una fetta spessa 1 cm di pecorino e latte quanto ne bastava per coprire il formaggio (ho usato un pentolino mignon, di 10 cm di diametro). Ho messo sul fuoco a fiamma bassa e girando con una frusta ho lasciato che il formaggio si fondesse.

Ho finalmente affettato lo strucolo e l’ho servito con la crema al pecorino e una grattugiata di pepe di mulinello.

DSCF2498-

tessuto GreenGate

un baciotto a tutti e buon sabato!

firma

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...