Tag Archives: codap

Un antipastino goloso al formaggio!

Un antipastino goloso al formaggio!
Un antipastino goloso al formaggio!
Pin It

Chi mi conosce un po’, sa quanto io sia golosa 🙂

e quando posso, porto in tavola ricettine sfiziose…tipo questo antipastino fatto pochi giorni fa 😉

😀 ok la foto qui sopra non è il massimo ma si vede l’interno 😉

[ENGLISH VERSION BELOW]

Ingredienti:

  • pasta sfoglia
  • salame
  • pecorino affinato nel vino Caseificio Spadi
  • il Doratore (oppure dell’uovo leggermente sbattuto, per spennellare)
  • pepe

Accendere il forno a 200°.

Stendere la pasta sfoglia e ricavare, con un coppapasta, dei cerchietti. Sistemare al centro di ogni cerchietto qualche pezzettino di salame e qualche cubetto di pecorino. Chiudere a mezzaluna, spennellare con l’uovo oppure spruzzare il Doratore, aggiungere una spolverata di pepe ed infornare fino a doratura, circa 15/20 minuti.

cloche in vetro Vega

Servire insieme a cubetti di pecorino (io ho scelto pecorino affinato nel vino e pecorino al tartufo, entrambi Caseificio Spadi):

cloche in vetro e mini conchiglie Vega

ENGLISH VERSION

Ingredients:

  • puff pastry
  • salami
  • pecorino cheese
  • egg lightly whipped
  • pepper

Turn on the oven, at 200°.

Cut from the pastry some circles, put on each circle a little of salami and some cubes of pecorino, close like a halfmoon, brush with an egg lightly whipped, add a little of pepper and bake for about 15/20 minutes.

ciao ciao

Pin It

Pain au chocolat con la macchina del pane

Pain au chocolat con la macchina del pane
Pain au chocolat con la macchina del pane

una ricettina relativamente veloce 😉 e soprattutto facile da preparare visto che il grosso lo farà la macchina del pane 😀

[ENGLISH VERSION BELOW]

Ingredienti per 8 panini al cioccolato:

  • 125 ml di acqua
  • 250 g di farina per dolci e sfoglie Molini Rosignoli
  • 30 ml di latte
  • 1 cucchiaio di zucchero semolato
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 140 g di burro morbido
  • 1 e 1/2 cucchiaino di lievito istantaneo in polvere
  • 225 g di cioccolato fondente a pezzi
  • per la glassa:
  • 1 tuorlo e 1 cucchiaio di latte (per me Il Doratore)

Versare l’acqua e il latte nel cestello della macchina per il pane, aggiungere la farina.

Unire lo zucchero, il sale e 2 cucchiai di burro ammorbidito, avendo l’accortezza di metterli in angoli separati del cestello.

Fare un piccolo incavo al centro della farina e aggiungere il lievito.

Far partire il programma “impasto”.

Nel frattempo modellare il burro rimasto dandogli la forma di un rettangolo di circa 2 cm di spessore, per farlo ho messo il panetto di burro tra due fogli di carta forno leggermente infarinati e l’ho appiattito con il mattarello dando dei colpetti.

Terminato il programma di impasto (nella mia mdp dura circa 15 minuti il programma di solo impasto) mettere la pasta sulla spianatoia leggermente infarinata, schiacciarla con  delicatezza e darle la forma di una palla. Fare un taglio a croce al centro. Stendere la pasta intorno alla croce, lasciando il centro in rilievo. Mettere il burro al centro, ripiegare la pasta sopra al burro per coprirlo, sigillare i margini. Stendere la pasta cercando di ottenere un rettangolo dello spessore di circa 2 cm e con il lato lungo doppio rispetto al lato corto. Piegare il bordo inferiore verso il centro e così anche il bordo superiore.

Sigillare i bordi con il mattarello.

Avvolgere nella pellicola leggermente unta di olio. Mettere in frigo per circa 20 minuti. Dopodiché ripetere le pieghe per altre due volte, ruotando ogni volta l’impasto di 1/4 e mettendo in frigo per una ventina di minuti tra una piega e l’altra.

Dopo l’ultima piega mettere di nuovo in frigo per una mezz’ora.

Stendere la pasta con il mattarello e tagliare in 8 rettangoli. Mettere su ogni rettangolo un paio di quadretti di cioccolato fondente.

Spennellare i bordi di ogni rettangolo con dell’uovo leggermente sbattuto, arrotolare ogni rettangolo su se stesso e schiacciare i margini per sigillarli.

Mettere i rotolini ottenuti (con la chiusura verso il basso) sulla teglia coperta di carta forno, coprirli con la pellicola e lasciarli lievitare fino al raddoppio.

Preriscaldare il forno a 200°. Spennellare di glassa (o usare il doratore) i rotolini e cuocerli per circa 15 minuti, finché non saranno belli dorati.

ciotolina Ecobioshopping

ENGLISH VERSION

Ingredients for 8 chocolate-breads

  • 125 ml of water
  • 250 g of flour
  • 30 ml of milk
  • 1 tablespoon of caster sugar
  • 1/2 teaspoon of salt
  • 140 g of softened butter
  • 1 e 1/2 teaspoon of baking powder
  • 225 g dark chocolate
  • for the icing:
  • 1 yolk and 1 tablespoon of milk

Pour the water and the milk in the basket of the bread machine, add the flour.

Add the sugar, the salt and 2 spoons of butter, take care to put them in different corners in the basket.

Make a little cavity in the centre of the flour and add the yeast. Start the program “dough”.

Meanwhile put the butter between two sheets of floured baking paper, spreading it with a rolling pin at the thickness of about 2 cm.

When the program is finished (in my bread machine it -only dough- takes 15 minutes), put the dough on the table lightly floured, gently press it and make a ball. Cut a cross on the surface of the dough. Roll out the dough around the cut-cross, leaving the center embossed. Put the butter on the centre, fold the dough to cover the butter, seal the margins.

Roll out the dough making a rectangle at the thickness of about 2 cm and with the longer side double than the shorter side. Fold the inferior side to the center and then the superior side. Seal the edges.

Wrap into the clingfilm and put into the fridge for about 20 minutes. Repeat the previous step (the folds) for other two times, turning each time the dough of 1/4 and put into the fridge for about 20 minutes between one fold and the other.

After the last fold put another time in the fridge for about 30 minutes.

Roll out the dough and cut in 8 rectangles. Put over each rectangle two pieces of chocolate. Brush the edges with an egg ligthly whipped, roll each rectangle on itself and seal the margins.

Put the rectangles on a baking pan (covered with baking paper), cover with clingfilm and let rise until doubled.

Preheat the oven at 200°. Brush the rectangle with the icing (yolk and milk) and bake them for about 15 minutes, until golden brown.

che ne pensate? 🙂

a noi sono piaciuti proprio tanto 😉 e la mattina a colazione sono ottimi! anche il giorno dopo, con un breve passaggio nel microonde 😀

ciao ciao

Strawberry Glory…

Strawberry Glory…
Strawberry Glory…

Ohhhhhh! Finalmente ho riprovato qualche altra ricettina del mio adorato Gordon 😀

E sapete qual è il problema?!??!? Che di tutte quelle provate finora….non ce n’è una che non mi piaccia!!!!

Questa è nata non per caso ma per necessità 🙂

Cercavo un dolcino diverso dai miei soliti per una cena con dei nostri amici e avevo delle fragole in frigo…cercando cercando, su youtube mi sono imbattuta in questo video di Gordon…e sono stata letteralmente conquistata dal suo “WHIP, WHIP, WHIP” 🙂

Come al mio solito, ho fatto qualche piccola modifica in corso d’opera 😀

[ENGLISH VERSION BELOW]

ingredienti per 4/6 persone:

  • 80/100 g di meringhe tritate grossolanamente
  • 300 g di fragole tagliate a pezzetti
  • zucchero a velo qb
  • aceto balsamico (ero titubante…ci sta da Dio!!!)
  • 240 ml di panna Hulalà Premium
  • 1 cucchiaio di zucchero a velo da aggiungere alla panna da montate (io non l’ho aggiunto)
  • 4/6 palline di gelato alla vaniglia (io l’ho sostituito col gelato al bacio 😉 )
  • cioccolato fondente da grattugiare (l’ho omesso, avendo usato il gelato al bacio)
  • cialde per guarnire…omesse
  • crema pasticciera:
    • 150 ml di latte
    • 100 ml di panna Hulalà Premium
    • 20 g di farina
    • 15 g di farina di mais
    • 3 tuorli
    • 40 g di zucchero semolato

Prepariamo innanzitutto le fragole: tagliare a spicchi e coprirle con dello zucchero a velo. Aggiungere qualche goccia di aceto balsamico, coprire con altro zucchero a velo. Cuocere per circa 1 minuto le fragole in una padella, fino a che inizieranno ad ammorbidirsi. Mettere in un piatto a raffreddare.

Per la crema pasticciera: scaldare il latte e la panna in un tegame con il fondo spesso, portare a ebollizione. Setacciare le farine insieme. Sbattere i tuorli con lo zucchero e aggiungerle alle farine. Aggiungere un po’ del composto di latte e panna, caldo, e mescolare finché sarà omogeneo, aggiungere gradualmente il resto. Versare in un tegame e, mescolando, cuocere per circa 3/5 minuti. Trasferire in una ciotola, coprire e far raffreddare, mescolando di tanto in tanto.

Montare la panna. Mescolarla con la crema, ormai fredda. La proporzione è: 2/3 di panna montata ed 1/3 di crema pasticciera.

E ora passiamo all’assemblaggio di questo golosissimo dessert al cucchiaio: versare sul fondo di una coppa un po’ di fragole, aggiungere un po’ di crema e un po’ di meringa sbriciolata, ripetere seguendo l’ordine: fragole, crema e meringa fino ad arrivare al bordo della coppa. Aggiungere una pallina di gelato, versare un po’ del succo delle fragole e una grattugiata di cioccolato (ma anche no! 😀 ). Guarnire con una cialda (ma anche no! 😀 ) e servire!

ENGLISH VERSION

ingredients for 4/6 peoples:

  • 80/100 g of meringues
  • 300 g of fresh strawberries
  • icing sugar
  • balsamic vinegar
  • 240 ml of double cream
  • 1 tablespoon of icing sugar
  • 4/6 scoops of vanilla ice cream (I prefer chocolate ice cream 😉 )
  • chocolate (omitted)
  • wafer fans to garnish (ometted)
  • For the crème pâtissière:
    • 150 ml of milk
    • 100 ml of double cream
    • 20 g of plain flour
    • 15 g of cornflour
    • 3 yolks
    • 40 g of caster sugar

Quarter the strawberries and dust with icing sugar. Drizzle over the balsamic vinegar and add a little of icing sugar. Cook the strawberries in a hot pan for 1 minute until they just begin to break down. Spoon on to a plate and allow to cool.

For the crème patissière: heat the milk and cream in a saucepan until almost boiling. Sift the flour and cornflour together. Beat the egg yolks and sugar together in a large bowl then mix in the flour. Add a splash of the hot cream and whisk well until the mixture is smooth, then gradually whisk in the rest of the milk.

Pour back into the pan and whisk over a medium-low heat for 3-5 minutes until thickened and smooth. Transfer to a bowl, cover and cool.

Whip the double cream with a tablespoon of icing sugar. Mix the whipped cream and crème patisserie together – the mixture should be two thirds cream to one third crème patisserie.

Layer the bottom of each glass with some strawberries, scatter over some meringue then pipe over a little of the mixed cream. Repeat the layering as necessary and top with a spoonful of ice cream, a drizzle of sauce and a grating of chocolate. Garnish with a fan wafer and serve at once.

a me (anzi a noi…anche l’Omo apprezza molto le idee di Gordon!!) è piaciuta a tal punto che l’ho già riproposta per un’altra cena 😀

e voi? che ne pensate??

con questa ricettina vorrei partecipare a questo contest:

ricordatevi anche della mia raccolta!!!

un bacione, alla prossima!

La Torta…

La Torta…
La Torta…

eheheh 🙂 eh si…non potevo dare altro titolo a questo post!!

Come accennavo qualche giorno fa l’importante, anche in cucina, è avere le idee chiare 🙂

Fino a qualche anno fa amavo fare solo dolci e, con una buona dose di fortuna (il fattore C ogni tanto aiuta 😀 ) visto che la tecnica proprio non la conosco, mi venivano anche piuttosto bene! Per la gioia dei miei nipoti soprattutto 😉

Ma negli ultimi tempi, mi sono divertita a sperimentare più ricette salate che altro..in fin dei conti con il salato posso sbizzarrirmi, lasciarmi guidare dalla fantasia mentre con i dolci bisogna pesare, stare attenti a tutto e per quanto io continui ad essere una golosona, mi diverto di più con il salato 😉

E poi…se devo seguire un’intera ricetta alla lettera…mi passa la voglia!! 🙂 Per me stare in cucina, stare ai fornelli, è piacere, è divertimento allo stato puro…

E così è stato anche per la torta per i miei 35 anni…

Sempre sull’onda della passione per la pasticceria, tempo fa mi ero regalata “Dolci, manuale pratico di pasticceria” di Giovanni Pina..e nelle settimane prima del compleanno mi sono detta “quasi quasi mi faccio la torta sensazione di Giovanni Pina”… 😀 L’ho studiata per giorni e giorni, ho controllato di avere tutti gli ingredienti in dispensa e poi….

Poi il giorno in cui mi sono messa all’opera, domenica scorsa, ho riletto la ricetta:

  • Pasta frolla al cacao
  • Crema leggera al cioccolato fondente
  • Pan di Spagna al cacao senza farina
  • Crema leggera allo zafferano

E lì mi son fermata 😀

Parliamoci chiaro: NON sono Giovanni Pina….anche se mio nipote Alessio, invece che chiamarmi Zia, Zia Milena o Zia Mile, mi chiama da anni PINA 😀

E non ho nemmeno la pretesa di essere una grande pasticcera…quindi, sono scesa dalla nuvoletta sulla quale mi trovavo e ho deciso di rivoluzionare la ricetta, affidandomi a ricette già collaudate 😉 ho mantenuto soltanto una delle creme che propone Giovanni Pina e devo dire che è deliziosamente fantastica ma devo anche essere sincera e dire che non l’ho seguita proprio al grammo 🙂 ho fatto ad occhio..ciò nonostante era buona 😀

Ora però, basta con le chiacchiere..che se siete arrivati fin qui a leggere meritate un bacione!!! 🙂

[ENGLISH VERSION BELOW]

ingredienti:

Per la pasta frolla:

Mettere nella ciotola della planetaria: farina, sale e burro freddo a pezzi, far lavorare a bassa velocità con il gancio K o foglia fino ad ottenere un composto bricioloso, aggiungere zucchero, tuorlo e vaniglia. Impastare sempre a bassa velocità finché non si saranno amalgamati tutti gli ingredienti e non si sarà ottenuto un unico blocco che rimarrà attaccato al gancio. A questo punto rovesciare sul tavolo, aggiungere il cacao e compattare. Avvolgere nella pellicola per alimenti e lasciar riposare in frigo per almeno mezz’ora. Passato il tempo del riposo, prendere il panetto e stenderlo con un mattarello sulla spianatoia leggermente infarinata. Ricavare un cerchio della dimensione voluta (io ho usato l’anello in acciaio per la misura, con diametro di 20 cm) e dei biscottini per la decorazione finale. Infornare il tutto a 175° per circa 20/25 minuti (per i biscottini ce ne vorrà meno..).

Per la crema al cioccolato:

Rompere l’uovo in un tegame con il fondo spesso, aggiungere lo zucchero e sbattere leggermente con una frusta, aggiungere il latte a filo continuando a sbattere. Aggiungere poi la farina setacciata sempre continuando a sbattere il composto con la frusta per evitare che si formino i grumi. A questo punto mettere sul fuoco, a fiamma bassa, continuando a girare. Quando inizia ad addensarsi, togliere dal fuoco ed aggiungere il cioccolato a pezzetti. Mescolare bene per farlo sciogliere. Lasciar raffreddare. Quando sarà ben fredda aggiungere la panna montata mescolando delicatamente.

Per la crema leggera allo zafferano:

Mettere la colla di pesce in ammollo in acqua fredda per una decina di minuti. Mettere in un tegame lo zucchero, il tuorlo, lo zafferano ed il miele, sbattere leggermente. Aggiungere metà della panna (100 ml), mettere sul fuoco continuando a mescolare. Non appena la crema inizierà a bollire, togliere dal fuoco ed aggiungere la colla di pesce. Mescolare bene per farla sciogliere. Lasciarla freddare. Quando sarà ben fredda aggiungere la panna montata mescolando delicatamente.

L’assemblaggio (la parte per me più noiosa…troppe attese..e infatti ne ho approfittato per sistemare un po’ la casa 😉 )

Posizionare su un piatto da portata l’anello in acciaio, mettere sul fondo il cerchio di pasta frolla, versare la crema al cioccolato e mettere in freezer per almeno mezz’ora.

Passata la mezz’ora aggiungere la crema allo zafferano livellando bene la superficie.

Rimettere in freezer per qualche ora (io ce l’ho lasciato tutta la notte).

Qualche ora prima della cena, ho tolto la torta dal freezer e ho tolto l’anello in acciaio, ho aggiunto i biscottini e lasciato in frigo fino al momento di servire.

piatto GreenGate

ENGLISH VERSION

ingredients:

  • cocoa shortcrust pastry:
    • 1 yolk
    • 170 g of cold butter
    • 85 g of icing sugar
    • 250 g of flour
    • 1 pinch of salt
    • 1/2 teaspoon of vanilla extract
    • 2 tablespoon of cocoa powder
  • chocolate cream:
    • 250 l of whole milk
    • 65 g of sugar
    • 25 g of flour
    • 1 egg
    • 50 g of dark chocolate 75%
    • 200 ml of whipping cream, already sweetened
  • light cream with saffron:
    • 1 teaspoon of acacia honey
    • 1 teaspoon of sugar
    • 1 and half teaspoon of yolk
    • 1/2 bag of saffron
    • 200 ml of whipping cream, already sweetened
    • 1 sheet of gelatin

How to make the cocoa shortcrust pastry:

Put in the bowl of the mixer: flour, salt and butter cut in small pieces. Mix until you have a mixture in crumbs; add sugar, yolk and vanilla. Mix well until you have only one dough. Put it on the table, lightly floured, add cocoa powder and knead. Wrap in clingfilm and put it into the fridge for about 30 minutes. Then, roll out and make a circle (I choose to make a circle with diameter of 20 cm) and some cookies for final decoration. Bake at 175° for 20/25 minutes (the cookies will be ready in a few minutes).

How to make the chocolate cream:

Put the egg in a saucepan, add sugar and whip lightly, add the milk and the flour, stirring constantly. Put on the heat, with low fire, stirring. When it begins to thicken, remove from the heat and add the chocolate in small pieces. Mix well to melt the chocolate. Let cool. When it will be well cold, add whipped cream stirring gently.

How to make the light cream with saffron:

Put the gelatin in cold water for about 10 minutes. Put in a saucepan the sugar, the yolk, the saffron and the honey, whip lightly. Add 100 ml of whipping cream, put on the fire continuing to stir. As soon as the cream begins to boil, remove from the heat and add the gelatin. Stir well to melt it. Let cool. When it will be well cold, add whipped cream stirring gently.

The last thing: assembly of the cake

Put on a dish the ring for cakes, put in the cocoa shortcrust circle, pour the chocolate cream and put in the freezer for about 30 minutes.

Then, pour the saffron cream. Put the cake in the freezer for a few hours (or one night).

Some hours before the dinner, remove the cake from the freezer, remove the ring and add the cookies. Keep the cake in the fridge until the moment to serve.

piatto GreenGate

vi piace? 🙂

baciotti a tutti!

Con questa ricettina partecipo al contest:

Roselline di Crepes

Roselline di Crepes
Roselline di Crepes

Buongiorno 🙂

qui c’è una bellissima giornata..si respira proprio aria di primavera…speriamo duri!!

Oggi vi propongo una ricettina appena provata..e che è piaciuta molto 😉

Ho preso spunto da un piatto di Diego Spatari Tironi e poi, come al mio solito, ho fatto un po’ di modifiche 😉

ingredienti:

Sono partita preparando le crepes ma ho variato ricetta, in genere le faccio come ho imparato ben 20 anni fa dalla mia prof di Francese, la mitica Mannari 🙂 se volete trovate la ricetta qui ma in questo caso ho seguito la ricetta di Giuseppina per poter partecipare all’MTChallenge di marzo 🙂

mtc banner

vi riporto pari pari la ricetta di Giuseppina:

Per  10/12 crèpes:

  • 150 gr di farina O
  • 350 ml di latte
  • 50 ml d’acqua
  • 2 uova medie
  • 1/2 cucchiaino da caffé di sale 
  • 30 gr di burro chiarificato per cuocere 

Rompete le uova in una terrina, sbattetele un po’ con la frusta, cominciate ad aggiungere alternando la farina setacciata e il latte/acqua, mischiate bene fino ad avere una pastella piuttosto liquida e liscia. Aggiungete il sale, mischiate e lasciate riposare almeno un’ora .

Fate sciogliere 30 gr di burro chiarificato in un pentolino , scaldate bene la padella per le crépes, ungetela con il burro usando un pennello (possibilmente in silicone) versate la quantità di pastella necessaria per una crépe. A questo punto fate “ruotare” la padella per spargere uniformente la pasta, fate cuocere fino a che sarà ben dorata, quindi giratela e finite la cottura dall’altra parte.

🙂 da notare il salto delle crepes:

A questo punto ho messo le crepes a riposare su un piatto:

e ho preparato il condimento.

Tagliare la verza a listarelle, tenendo da parte 2 foglie (noi eravamo in due 😉 ). Tagliare a rondelle il porro.

Far dorare il porro in padella con un filo d’olio, aggiungere la verza e farla stufare bene a fiamma bassa.

Nel frattempo sbollentare le due foglie di verza per qualche minuto in acqua bollente

passarle poi in acqua fredda per mantenere vivo il colore.

Quando la verza e i porri saranno ben cotti metterli nel bicchiere del mixer, aggiungere lo speck tagliato a pezzetti, il pecorino e la ricotta e far andar fino ad ottenere una crema bella omogenea, se necessario aggiustare di sale.

Far tostare i pinoli in una padellina.

Rimettere la crema ottenuta in padella con la panna da cucina (la crema dovrà essere abbastanza liquida, io ho aggiunto un po’ di latte per allungarla), farla saltare un paio di minuti, Aggiungere i pinoli e tenere in caldo.

E ora viene il bello 😀

Mi sono divertita a creare delle rose con le mie crepes..per farlo ho seguito il video tutorial di Rita del sito A Mouse on the Table e il risultato mi ha molto soddisfatta 🙂

Ho tagliato a spirale le crepes con le forbici:

ho spalmato un po’ di crema di verza:

e poi l’ho arrotolata su se stessa creando una rosellina, queste le roselline che ho provato a fare prima di spalmare la crema:

Ho preparato 2 roselline a testa.

Per assemblare il piatto ho messo in una pirofilina appena imburrata la foglia di verza sbollentata:

ho aggiunto un cucchiaio di crema:

e ho adagiato sopra le due roselline accompagnandole a tre piccole roselline di speck.

Ho aggiunto un po’ di crema di verza sopra e infornato sotto al grill per pochi minuti.

buon appetito!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...