Category Archives: primi

a volte….ritornano: Risotto alla Zucca

a volte….ritornano: Risotto alla Zucca
a volte….ritornano: Risotto alla Zucca
Pin It

7 mesi di silenzio sul blog..

negli ultimi 5 mesi ne sono successe tante di cose..

alcune brutte, difficili, pesanti da digerire..altre bellissime..

Mesi in cui mi si è letteralmente stravolta la vita..ma in cui ho anche provato a rialzare la testa.

Di certo ho ritrovato il sorriso e la voglia di vivere, il che non è poco..

Sono tornata a vivere nel mio paese di origine e, se all’inizio non è stato facile, poi il “paesello” è stato proprio la mia linfa vitale: le passeggiate all’alba sulla spiaggia o nel borgo medievale deserto sono state terapeutiche 😉

Ricominciare a camminare con le mie gambe non è stato affatto facile, ma farlo con il sostegno delle persone che mi vogliono bene non è stato nemmeno così difficile. Non mi sono mai sentita sola.

E’ vero che gli amici si vedono nel momento del bisogno e per me ci sono stati..e ci sono tutt’ora: persone meravigliose che non mi hanno lasciata sola un attimo, che mi hanno dato molto più di quanto meritassi.

Assorbire la prima “mazzata” non è stato facile..cancellare con un colpo di spugna 10 anni di vita è difficile, soprattutto quando non ti rendi conto della gabbia in cui vivi..

Poi però, passano i giorni, la persona che credevi di conoscere ti appare per quello che è..con tutti i suoi difetti e le sue mancanze, non la vedi più con gli “occhi dell’amore”..ma con gli occhi velati di pianto..e allora ti accorgi che non era più vita..

E non è facile nemmeno ammettere di aver fallito, di non aver capito, di non aver voluto capire..e di aver continuato a star male senza rendertene conto fino in fondo.

Ma arriva un giorno in cui non ci sono più lacrime da versare, non c’è più voglia di farsi domande che non avranno mai risposte..c’è voglia di riappropriarsi della propria vita, del proprio tempo, c’è voglia di ricominciare a dormire la notte anziché mangiare libri su libri o guardare serie tv..

E nemmeno te ne accorgi quando arriva quel giorno..succede e basta. E piano piano ricominci..

Torna la voglia di uscire, torna la voglia di ridere, di godere delle piccole cose..

Torna la voglia di stare con gli altri, di fare cose piacevoli..

Torna la voglia di andare al mare a farsi una bella nuotata o, perché no, una bella dormita sotto al sole..

Torna la voglia di chiamare mille volte al giorno tua sorella che hai stupidamente messo da parte perché..non sai nemmeno bene tu perché..

E ti torna la voglia di passare del tempo con lei, come una volta, di confidarti..di raccontarle cose che forse la sconvolgono un po’..perché sai che lei c’è e ci sarà per sempre, anche se col tuo egoismo hai rischiato di perderla..e come lei, l’uomo meraviglioso che le sta al fianco da tanti anni e che ti sopporta e ti vuol bene come ad una sorella..

Torna la voglia di tartassare di messaggi, più o meno scemi, quei due splendidi uomini che sono diventati i tuoi nipoti e tu nemmeno ti sei accorta di quando siano cresciuti così tanto..

E il magone però riprende..perché ti rendi conto di aver perso un sacco di tempo..e ora speri solo non sia troppo tardi per recuperarlo..

Quando ricominci a riprenderti un po’..se ne va per sempre una persona importante per te..una persona alla quale sei stata tanto vicina, nonostante tutto..una persona che con il suo carattere spigoloso ti faceva comunque sentire il suo affetto in tanti modi..sono 2 mesi e 1 giorno che zia ha chiuso gli occhi e a me ancora non sembra vero..ogni mattina mi aspetto di vederla passare in agenzia a fare due chiacchiere..

Ecco..questo è un dolore che non se ne andrà tanto presto..è una di quelle assenze che pesano ogni giorno di più..

E ora…siamo quasi alla fine di questo difficile 2016…e tra poco più di un mese sarò anche senza lavoro..dopo 16 anni dovrò rimboccarmi le maniche e cercare altre soluzioni..

Insomma..diverse batoste, alcune davvero brutte…ma ci sono anche cose successe per caso che mi hanno regalato momenti unici, felici, emozionanti..insomma non tutto questo 2016 è da buttare..

E, forse, mi è anche tornata la voglia di cucinare…giusto la scorsa settimana, approfittando della zucca mantovana che ci ha portato mia sorella, ho pensato di rimettermi ai fornelli per un primo:

Risotto alla Zucca

ingredienti per 2 (mangione!):

  • 180 g di riso carnaroli
  • 200 g circa di zucca mantovana tagliata a cubetti
  • brodo vegetale qb
  • sale qb
  • 1 scalogno
  • olio extravergine di oliva qb
  • 1 noce di burro
  • parmigiano grattugiato qb
  • vino bianco qb

Tritare finemente lo scalogno, farlo appassire in olio evo. Quando sarà tenero, aggiungere la zucca tagliata a dadini, bagnare con un mestolo di brodo bollente, coprire e cuocere a fiamma bassa, girando di tanto in tanto e bagnando con altro brodo se necessario, finché la zucca non sarà morbida come una crema.

A questo punto aggiungere il riso e farlo tostare bene.

Sfumare col vino bianco e portare a cottura aggiungendo brodo vegetale via via.

A termine cottura, togliere dal fuoco, aggiungere il burro e il formaggio, mantecare il tutto e servire.

15107290_10211388949627722_5929317447133603627_n

Buona giornata e…buon divertimento in cucina

firma

Print Friendly
Pin It

Un primo veloce, con le ultime zucchine dell’orto!

Un primo veloce, con le ultime zucchine dell’orto!
Un primo veloce, con le ultime zucchine dell’orto!

Buongiorno e buona domenica a tutti!

Mentre leggerete questo post, io sarò in ufficio..come ogni domenica da almeno 15 anni..per fortuna che si può programmare la pubblicazione 😀

Il piatto che vi propongo oggi è semplicissimo e soprattutto molto veloce, oltre che buono 😉

L’ho preparato la scorsa estate ma visto che ancora le temperature sono decenti, magari qualche zucchina la trovate sempre dal fruttivendolo 😉

Quelle che ho usato io arrivato da mio zio 😉 quindi sono più che biologiche 😀

ingredienti x 2:

  • 3 zucchine medie
  • 150/200 g circa di robiola
  • sale e pepe
  • un pizzico di noce moscata
  • 1 spicchio d’aglio
  • olio extravergine di oliva qb
  • 180 g di spaghetti

Lavate le zucchine, tagliate via le estremità, tagliatele a tocchetti. Fate dorare in una padella, con un cucchiaio di olio evo, lo spicchio d’aglio in camicia. Aggiungete poi le zucchine e fatele cuocere per qualche minuto, aggiustando di sale. Quando saranno tenere, aggiungete la robiola e fate insaporire. Frullate il tutto, aggiungete un po’ di pepe di mulinello, una grattugiata di noce moscata e tenete in caldo, fino al momento di saltarci gli spaghetti cotti al dente 😉

20150414_194148-

buon appetito! ^_^

firma

Print Friendly

Stracciatella, Pomodorini Confit e Pastamatic..

Stracciatella, Pomodorini Confit e Pastamatic..
Stracciatella, Pomodorini Confit e Pastamatic..

Ciao!! 🙂

Piano piano sto riprendendo il ritmo con il blog ma soprattutto sto ritrovando la voglia di dedicarmi a queste pagine..

Continuo ancora a proporvi le ricettine golose che ho preparato per il mio compleanno 😉

Oggi è la volta del primo: Bucatini Rigati con Stracciatella e Pomodorini Confitricetta che avevo provato in passato ma con pomodori freschi…devo dire che nella nuova versione, mi piace molto di più! 😀

E’ una ricetta lunghina, ma merita..ho infatti iniziato la preparazione la sera precedente, visto il lungo tempo di cottura dei pomodorini e poi al mattino del sabato mi sono svegliata all’alba per divertirmi con la pastamatic e la nuova trafila per i bucatini rigati (o rigatini come li ha chiamati “qualcuno” in casa 😀 )..

Pomodorini Confit

ingredienti:

  • pomodorini ciliegini
  • olio extravergine di oliva
  • sale
  • zucchero
  • pepe
  • origano
  • aglio

ho usato circa 300 g di pomodorini, per le spezie ovviamente sono andata ad occhio.

Accendere il forno a 140°. Lavare i pomodorini, asciugarli e tagliarli a metà.

pasta6

Sistemarli, con la parte tagliata rivolta in alto, in una teglia coperta di carta forno, condire con olio, sale, pepe, origano, una spolverata di zucchero, aggiungere qualche spicchio di aglio ed infornare per circa 2 ore.

pasta2

Queste sono le ricette che mi piacciono: quelle che, praticamente, si fanno da sole 😀 😀

Bucatini Rigati con Pastamatic 1000

per i bucatini ho impastato due volte, visto che la capacità massima è di 700 g di farina (per ottenere circa 1 kg di pasta): la prima volta con 700 g di farina (ho mixato farina 0 e semola rimacinata) con acqua (1 misurino al livello 3) e la seconda volta 350 g di mix di farine e acqua (1 misurino a metà tra il livello 1 e il livello 2)

ingredienti per 10 persone:

  • 750 g farina 0
  • 300 g di semola rimacinata
  • acqua qb

Ho messo nel cestello della pastamatic il mix di farine, ho acceso ed aggiunto pian piano l’acqua. Ho poi lasciato che continuasse ad impastare per circa 6 minuti. A questo punto ho inserito la trafila (tenuta prima a bagno in acqua bollente e poi asciugata bene) e cominciato a fare i miei bucatini:

pasta3

Come scrivevo sopra ho dovuto fare in due mandate, visto che ho aumentato la quantità di farina 😉 ma in tutto non ho impiegato più di mezz’ora. Tra l’altro è la prima volta che aggiungo la semola rimacinata e devo dire che ci si guadagna nel gusto ma non solo: la pasta è (ovviamente) più rustica, raccoglie molto meglio il condimento e in cottura non si schiaccia su se stessa come a volte mi è capitato usando solo farina bianca: insomma, ho fatto la scoperta dell’acqua calda! 😀

Impastato e trafilato il tutto, ecco i miei bucatini pronti:

pasta4

una bella spolverata di semola rimacinata per evitare che si attaccassero gli uni agli altri, poi li ho coperti con carta da cucina e sono andata in ufficio 🙂

alla sera li ho trovati belli secchi, pronti da cuocere!

Bucatini Rigati con Stracciatella e Pomodorini Confit

ingredienti per 10 persone:

  • 1,2 kg circa di bucatini (è pasta fresca, rende meno della pasta secca 😉 )
  • 600 g di stracciatella
  • 2 cucchiai di passata di pomodoro
  • 1 spicchio di aglio
  • olio extravergine di oliva
  • 400 g di robiola
  • 300 g circa di pomodorini confit
  • sale
  • pepe di mulinello
  • peperoncino in polvere

Mettere in una padella bella capiente un giro di olio extravergine di oliva, aggiungere lo spicchio di aglio in camicia, far insaporire l’olio, aggiungere la passata di pomodoro ed eliminare l’aglio.

Unire poi la robiola, mescolare bene e spegnere la fiamma.

Buttare la pasta in un pentola di acqua bollente salata (nella quale avremo aggiunto anche un goccio di olio per evitare che la pasta si attacchi), non appena raggiunge il bollore prendere un paio di mestoli (non troppo pieni) di acqua di cottura e aggiungerla alla robiola per ottenere una crema.

Mentre la pasta si cuoce (ci vorranno pochi minuti), aggiungere nella padella la stracciatella e il peperoncino e mescolare ancora, se necessario aggiungere ancora un goccio di acqua di cottura.

Aggiustare di sale (cosa che non ho fatto..e infatti la pasta era un po’ sciocca..), scolare la pasta (non completamente) e saltarla in padella con il condimento, se serve aggiungiamo ancora un goccio di acqua di cottura.

Unire i pomodorini confit, una spolverata di pepe appena macinato e portare in tavola.

pasta5

Chiedo scusa per la foto del piatto finito ma….al momento di portarla in tavola, ho pensato alla mia famiglia che aspettava di mangiarla e non alle foto per il blog 😉 me ne sono ricordata a fine cena: era avanzata giusto una porzione e la crema di robiola si era un po’ rappresa..spero che non mi fucilerete per questo 😉

grazie di cuore per essere passati qui da me, spero che questo primo vi abbia ingolosito un po’ 😉

baciotti

firma

Print Friendly

Tagliatelle al Pepe Nero con funghi, pancetta e panna

Tagliatelle al Pepe Nero con funghi, pancetta e panna
Tagliatelle al Pepe Nero con funghi, pancetta e panna

Una ricettina golosissima, provata già diverse volte, che ho voluto proporre per il compleanno di mia suocera.

La pasta fatta a mano a me piace tantissimo, se poi viene condita in modo così ricco….ancora di più 😀

Non è farina del mio sacco, ho preso la ricetta dal blog di Mapi e vi consiglio vivamente di provarla quanto prima…è semplicemente deliziosa…e se ve lo dico io che non amo affatto i funghi, potete credermi! 😉

ingredienti per 4 (le mie dosi sono, come al solito, un po’ abbondanti..ma con la pasta fatta a mano…abbondo sempre, perché -se avanza- il giorno dopo ce la mangiamo ancora con più gusto 😉 :

  • 4 uova
  • 400 g di farina 0 (sono indicativi….come mi ha insegnato mamma: si mette la farina che serve 😉 )
  • un paio di cucchiai di pepe nero pestato al mortaio (non mettete quello macinato..non sarà la stessa cosa 😉 )
  • per il condimento:
    • 200 g circa di funghi misti (io ho usato il misto congelato che trovo al supermercato)
    • 250 ml di panna fresca
    • 200 g di pancetta affumicata
    • olio extravergine di oliva, sale e pepe qb
    • 2 spicchi di aglio

20141105_160244-

Per prima cosa, prepariamo la sfoglia: farina a fontana (io non la metto tutta, un pugno lo tengo da parte..se serve lo aggiungo, altrimenti no 😉 ), si rompono al centro le uova, si aggiunge il pepe nero e pian pianino, prima con una forchetta e poi a mano, si comincia ad impastare, fino ad ottenere un panetto bello omogeneo.

20141105_160930-

Lo copriamo con una ciotola a campana oppure lo avvolgiamo nella pellicola e lo lasciamo riposare per almeno una mezz’ora.

Dopodiché, stendiamo la sfoglia sulla spianatoia leggermente infarinata: è decisamente meglio farlo a mano, vista la presenza del pepe. Non stendetela troppo sottile, altrimenti rischiate di ottenere una sfoglia tutta bucherellata 🙂

In questo caso mi sono affidata alle mani sapienti di mamma: è bravissima in cucina ma con la sfoglia è davvero eccezionale 🙂

20141105_195654-

Arrotoliamo la nostra sfoglia e tagliamo le tagliatelle, le mettiamo ad asciugare con un po’ di farina gialla (o di semola rimacinata), mettiamo su la pentola con l’acqua e ci dedichiamo al sugo di condimento: in una padella versiamo un filo di olio e lo spicchio d’aglio in camicia, lasciamo insaporire bene l’olio, eliminiamo l’aglio, aggiungiamo la pancetta e la facciamo diventare bella croccante.

In una seconda padella: filo d’olio e spicchio d’aglio, quando sarà ben dorato lo eliminiamo ed aggiungiamo i funghi surgelati, li facciamo cuocere finché non sarà ritirata tutta la loro acqua, dopodiché li aggiungiamo alla pancetta, tenendone due cucchiai da parte in caldo.

Uniamo al sugo la panna fresca, mescoliamo bene, aggiustiamo di sale e frulliamo il tutto con il frullatore ad immersione.

Aggiungiamo a questo punto i funghi tenuti da parte.

L’acqua per la pasta sarà finalmente arrivata a bollore, aggiungiamo un pizzico di sale grosso, un goccio di olio e buttiamo le nostre tagliatelle.

Le facciamo cuocere per un paio di minuti (sono più spesse del solito, quindi è bene farle cuocere un attimino di più), le scoliamo e le saltiamo in padella con il sugo.

20141105_205209-

20141105_205254-

a noi piacciono tantissimo!!! 🙂

provatele e mi saprete ridire! 😉

buona giornata

firma

Print Friendly

un risotto giallo come il sole!

un risotto giallo come il sole!
un risotto giallo come il sole!

Buongiorno! E buon sabato 🙂

ve lo dico con gli occhi ancora mezzi chiusi e tanto sonno, nonostante l’ora…visto che siamo rientrati stanotte da Bologna, dopo esserci gustati il concerto di Peter Gabriel 😀 😀

e ve lo dico proponendovi un piatto giallo come il sole, goloso e veloce da preparare:

20141118_200548-

Qualche sera fa, per cena, mi sono regalata una coccola speciale, un risotto bello morbido (come piace a me), golosissimo..arricchito dalla Caciotta del Sole, ultima nata in Casa Spadi, il Caseificio di Roccastrada.

La Caciotta del Sole, presentata lo scorso 31 ottobre (QUI trovate il video della conferenza stampa e QUI QUI due articoli sui nostri quotidiani locali 😉 ) a Grosseto, è prodotta dal Caseificio Spadi di Roccastrada e sosterrà le attività della Fondazione Il Sole diventata un punto di riferimento per la città di Grosseto. Per ogni chilo di prodotto venduto, 1 € sarà devoluto alla Fondazione..quindi, che aspettate a correre a comprarla? 🙂

20141118_194446-

Io intanto vi suggerisco un’idea per gustarvela.. 😉

Risotto Giallo come il Sole

ingredienti per 2 persone:

  • 120 g di riso carnaroli
  • 1 noce di burro (minuscola, ci sarà poi anche il grasso della pancetta)
  • 1/2 cipolla piccola
  • 50 g di pancetta affumicata tagliata a dadini
  • 1/2 bicchiere di birra bionda
  • brodo vegetale qb (avete una mezz’ora di tempo? fatelo da sole: una pentola d’acqua, 1 carota, 1 cipolla, 1 costa di sedano, 1 pomodoro, sale, prezzemolo e tutto ciò che avete in frigo 😉 -a volte io aggiungo anche una crosta di formaggio 😉 – fate bollire una mezz’ora ed è pronto..altrimenti, fate in casa il dado vegetale, se volete qui vi spiego come lo faccio io 😉 )
  • zafferano in stimmi
  • 2 spicchietti di Caciotta del Sole
  • sale e pepe qb

Per prima cosa mettiamo in un bicchierino gli stimmi di zafferano con il brodo caldo.

Tagliamo la cipolla (a me piace tagliata grossolana, ma nulla vieta di tritarla finemente 😉 ), facciamo sudare a fiamma bassissima in una noce di burro, finché sarà trasparente. Aggiungiamo la pancetta, alziamo la fiamma e rendiamola croccante. Uniamo il riso e facciamolo tostare bene (questo passaggio è indispensabile per un buon risotto 😉 ).

20141118_194431-

Sfumiamo con la birra, una volta evaporata, bagniamo con un ramaiolo di brodo bollente e pian piano, con fiamma bassa, girando spesso, proseguiamo la cottura, aggiungendo -quando serve- del brodo bollente. Più o meno a metà cottura (10 minuti circa), aggiungiamo il brodo e gli stimmi di zafferano.

20141118_200104-

Mescoliamo bene, aggiungiamo metà della caciotta tagliata a dadini e portiamo il risotto a cottura.

Aggiustiamo di sale, serviamo all’onda, aggiungendo i cubetti di caciotta tenuti da parte e un giro di pepe di mulinello..buon appetito!

20141118_200601-

IMG_20141118_200626-

piatto GreenGate

IMG_20141118_200722-

IMG_20141118_201256-

Vi auguro una splendida giornata ^_^ e, se volete dare il vostro contributo, questo l’elenco degli esercizi commerciali nei quali potete acquistare la Caciotta del Sole:

Rete costituita dai supermercati Conad di Grosseto (via Clodia, Senegal e Aurelia Antica), da quelli di Unicoop Tirreno (via Emilia, Inghilterra, Pirandello, Carlo Pisacane e Ximenes) e dai 15 esercizi commerciali riforniti da Gi.Pa. 2004 Srl:

  • Tutti frutti di Allegri Patrizia, via Liri (Grosseto);
  • L’angolo delle delizie di Simi & Mazzarelli, via Batignanese 11 (Roselle);
  • Verdemaremma Market di Cipriani, viale Uranio 15 (Grosseto);
  • La bottega di Pietro di Scartabelli, via Grieg 12 (Grosseto);
  • Narducci Roberto, mercato coperto di via Fossombroni (Grosseto);
  • Crazy Mode di Fiornovelli, via Matteotti 52 (Grosseto);
  • Panificio Amiata di Giomarelli Lauro, via Telamonio (Grosseto);
  • Alimentari Bruni, piazza dell’Uccellina (Fonteblanda, Orbetello);
  • Market 2000 di Pezzi & Gori, via Garibaldi 52 (Magliano);
  • Alimentari Daniela e Slvia, via IV Novembre 35 (Magliano);
  • Bartoletti Gervaso, via Roma 2 (Isola del Giglio);
  • Mattera e Bigozzi, via Umberto I (Isola del Giglio);
  • Mibelli Anna, via provinciale Campese (Isola del Giglio);
  • Bertini Emili, via Nuova 15 (Sticciano Scalo);
  • Alimentari da Alessia, via di Mezzo 3 (Roccatederighi);
  • Navoni Giovanni & C. Sas, via Italia 13 (Porto Ercole);
  • Punto Spesa di Santorio Gessica& C., via Leopardi (Capalbio);
  • ALI.SA, via Pedemontana (Borgo Carige – Capalbio);
  • Dolce Pane, via Oberdan (Grosseto);
  • M.C di Mannelli, via Piave (Marina di Grosseto);
  • M.M di Mazzini, via del Padule (Castiglione della Pescaia);
  • Best Food, piazza della Repubblica (Castiglione della Pescaia).

firma

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Print Friendly